sabato 10 luglio 2010

ARRESTI EUTELIA, AGILE E OMEGA. SAMUELE LANDI LATITANTE A DUBAI

Otto gli arresti per bancarotta fraudolenta, nell'inchiesta Agile-Eutelia.
In cella anche Antonangelo Liori, il pregiudicato che fu direttore de L'Unione Sarda, che in una telefonata dice: «Se fallisce l'azienda io continuo ad avere villa ed elicottero». I finanzieri si sono presentati all'alba nella sua villetta cagliaritana di Barracca Manna con l'ordinanza di custodia cautelare. Poche ore dopo Antonangelo Liori ha varcato il pesante portone del carcere di Buoncammino. Il giornalista è accusato di bancarotta fraudolenta nell'inchiesta della Procura di Roma sul gruppo societario Agile-Eutelia, attivo nel settore delle telecomunicazioni.
Oltre a Liori, sono stati raggiunte dall'ordinanza altre sette persone. Secondo gli inquirenti Liori e gli altri dirigenti del gruppo, acquistavano società in difficoltà economica, incassavano le commesse (milionarie) senza pagare dipendenti, contributi previdenziali, tasse, impostate e Iva. Gli uomini del nucleo speciale di polizia valutaria di Milano, che stanno svolgendo le indagini, hanno eseguito decine di perquisizioni in tutta Italia. I militari del gruppo di Cagliari, che hanno collaborato al blitz di ieri, hanno fatto visita anche al fratello di Antonangelo Liori, Sebastiano, indagato a piede libero, e ad altre tre persone coinvolte per ora in modo marginale. Sono stati sequestrati documenti e file di computer.
L'ORGANIGRAMMA Le misure restrittive richieste dai magistrati di Roma (Cascini, Ielo e Loy) sono state accolte dal gip capitolino Elvira Tamburelli ed eseguite dai finanzieri. A Terni sono stati arrestati Pio Piccini (presidente ed amministratore di Omega, e amministratore unico di Agile) e Marco Fenu (dirigente di Agile e tesoriere del gruppo Omega), a Siena Leonardo Pizzichi (presidente del cda di Eutelia), a Milano Claudio Marcello Massa (amministratore di fatto di Agile e amministratore pro-tempore del gruppo Omega, esperto finanziario e responsabile dei movimenti economici delle società), a Torino Salvatore Riccardo Cammalleri (amministratore unico e procuratore di Agile) e ad Arezzo Isacco Landi (consigliere di amministrazione di Eutelia).
È ricercato Samuele Landi, presidente del cda di Agile e amministratore di Eutelia, che si dovrebbe trovare a Dubai. È probabile che qualcun altro degli arrestati (forse proprio Liori) stesse programmando un viaggio di sola andata nel paradiso degli Emirati. Per evitare il pericolo di fuga, ma anche l'inquinamento delle prove e, soprattutto, la reiterazione del reato (gli indagati sarebbero al centro di altre inchieste con le stesse accuse) il gip ha accolto la richiesta della custodia cautelare in carcere. «Chiederemo il riesame al Tribunale di Roma, e per ora preferiamo non dire nulla», commenta l'avvocato Mariano Delogu che difende Liori insieme al figlio Massimo.
IL RUOLO DI LIORI L'ex direttore de L'Unione Sarda, che non ha alcun ruolo ufficiale nelle società, è ritenuto il dominus del gruppo Omega, l'uomo che va a caccia degli affari e che muove tutti i fili. Non solo. Dalle intercettazioni telefoniche e dai movimenti bancari è emerso che dietro le due multinazionali inglesi Restform Limited e Anglo Corporate Management Limited, che controllano “a cascata” una serie di altre società (Libeccio srl, Tyche srl, Theia srl, Omega srl e Agile srl), c'è il suo nome. Di fatto sarebbe il beneficiario economico delle due multinazionali britanniche. L'inchiesta dei finanzieri di Milano era iniziata dopo la cessione della società Agile srl da parte della quotata Eutelia a Omega. Una vendita “sospetta” che ha attirato le attenzioni dei militari del nucleo speciale di polizia valutaria.
LE VITTIME Per mesi i finanzieri hanno ricostruito quello che è stato definito «sistema di frode», tanto da portare «l'importante gruppo societario “Agile-Eutelia” ad una situazione di gravissimo dissesto economico-finanziario e di insolvenza per milioni di euro anche nei confronti di migliaia di lavoratori». Il gruppo avviava le trattative finalizzate all'acquisto di altri gruppi societari in crisi, nei settori delle telecomunicazioni, dell'information technology, della logistica e immobiliare. L'azione successiva, come accaduto nel caso di Agile, era incassare le commesse e portare al fallimento le società. Le principali vittime, oltre allo Stato, erano i dipendenti. Dagli accertamenti degli inquirenti, gli otto indagati (con ruoli diversi) avrebbero fatto volatilizzare circa undici milioni di euro dalla Agile srl, sottraendo anche i crediti della stessa società (cinque milioni e mezzo).
«TANTO HO L'ELICOTTERO» Nell'ordinanza il giudice Tamburelli parla di «fatti criminosi gravi e allarmanti per la collettività», svolti dagli indagati «nell'assoluta indifferenza dei gravissimi danni cagionati che hanno coinvolto quasi 2000 dipendenti». Il gip evidenzia la «spregiudicatezza ed arroganza nell'agire a fini di arricchimento personale». Un esempio su tutti la telefonata del 16 aprile 2010 tra i fratelli Liori. Antonangelo riferisce a Sebastiano di un incontro con i sindacalisti di Cgil, Cisl e Uil ai quali ha detto che se anche dovesse fallire Agile «io continuo ad avere la mia macchina, il mio autista, il mio elicottero, la mia villa».

57 commenti:

Anonimo ha detto...

(ANSA) - CAGLIARI, 10 LUG - Otto ordinanze di custodia cautelare in carcere per il fallimento del call center Agile-Eutelia, un crac di oltre 11 milioni.

In carcere, su disposizione dei magistrati di Roma, e' finito anche l'imprenditore Antonangelo Liori, ex direttore del quotidiano L'Unione Sarda, accusato di bancarotta fraudolenta.

In Toscana sono finiti in carcere Isacco Landi, 46 anni (Arezzo) e, a Siena, Leonardo Pizzichi, 43 anni, ex presidente di Eutelia. Non e' stato raggiunto dal provvedimento Samuele Landi, 45 anni, ex Ad di Eutelia, perche' a Dubai. (ANSA).

Anonimo ha detto...

EUTELIA: 7 ARRESTI PER BANCAROTTA, FUGGITO LANDI (ASCA) - Roma, 10 lug - E' di ieri mattina l'ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata dalla gip di Roma Elvira Tamburelli che ha portato in carcere sette manager con l'accusa di bancarotta fraudolenta per aver acquistato diverse societa', tra cui Eutelia, ''organizzando una colossale operazione dolosa con l'obiettivo di provocare, tra l'altro, il fallimento di Agile (ex Eutelia ndr)''. L'unico dei manager ancora a piede libero e' Samuele Landi, il giovane imprenditore che durante l'occupazione dell'azienda da parte dei dipendenti, organizzo' un raid nella struttura alla guida di un gruppo di vigilantes, minacciando i dipendenti. Landi si troverebbe a Dubai, dove si sarebbe rifugiato dopo la notizia di una inchiesta sul suo conto. La gip Tamburelli nell'ordinanza stigmatizza anche l'invasione dell'azienda da parte di Landi: ''Noncurante della dismissione seppure soltanto formale da cariche del cda, fa irruzione in azienda sprezzante nei confronti dei dipendenti che tentavano di far valere le loro ragioni e che per effetto dei reati da lui commessi hanno perso il lavoro''.

Anonimo ha detto...

ovviamente ci costituiamo parte civile anche a Roma

p.s. Se la finanza non trova Samuele ci organizziamo e lo cerchiamo noi ...con i napoletani non si scherza

Anonimo ha detto...

non sono mai stai uomini, solo quaquaraqua'

Anonimo ha detto...

Una fine degna del loro operato, ho conosciuto personalmente i landi quando hanno comprato edisontel anni fà, e ritenevo e ritendo che fossero dei puri delinquenti. I fatti mi hanno dato ragione.

Anonimo ha detto...

nemmeno con i toscani...

Anonimo ha detto...

p.s. Se la finanza non trova Samuele ci organizziamo e lo cerchiamo noi ...con i napoletani non si scherza

=========================
fate sapere vengo pure io ed altri

Anonimo ha detto...

EUTELIA-AGILE:ARRESTI;EX DIRETTORE CHIEDE DIZIONARIO GRECO (ANSA) - CAGLIARI, 10 LUG - Il trasferimento a Roma gia' dalle prossime ore oppure una delega dei magistrati laziali ad un collega cagliaritano per effettuare l'interrogatorio. Queste le due ipotesi al vaglio degli inquirenti per sentire l'ex giornalista Antonangelo Liori, rinchiuso da 24 ore in una cella ''nuovi arrivi'' del carcere cagliaritano di Buoncammino. L'ex direttore dell'Unione Sarda, arrestato nell'ambito dell'inchiesta Agile-Eutelia, ha trascorso il primo giorno di custodia cautelare leggendo e studiando. Ai familiari, a quanto pare, avrebbe chiesto alcuni libri e un dizionario di greco, sua grande passione. A firmare la misura cautelare e' stato il Gip romano Elvira Taburelli, su richiesta dei pm laziali Cascini, Ielo e Loy. L'accusa su cui stanno lavorando i magistrati, che hanno ottenuto le ordinanze di custodia in carcere per altre sette persone, e' quella di bancarotta fraudolenta. Stanno indagando attorno al fallimento della societa' ''Agile'' che, secondo gli inquirenti, rischiava di essere spogliata dei propri valori a discapito dei creditori piu' importanti, i circa duemila lavoratori. (ANSA). RED-FO 10-LUG-10 18:50

Anonimo ha detto...

EUTELIA-AGILE:ARRESTI;EX AMMINISTRATORE, DISEGNO CONTRO NOI LANDI SFUGGITO A CATTURA, SI SAREBBE DA TEMPO TARSFERITO A DUBAI (ANSA) - AREZZO, 10 LUG - Samuele Landi, ex amministratore delegato di Eutelia, nega le accuse di bancarotta fraudolenta con cui la Procura di Roma ha disposto otto ordinanze di custodia cautelare nell'ambito dell'inchiesta sul crac Eutelia-Agile. ''Apprendo solo dalla stampa i presunti capi di accusa in quanto ancora nessuna notifica ne' a me ne' al mio avvocato e' stata fatta'', afferma in un comunicato di oggi sul suo sito web lo stesso Samuele Landi, l'unico degli otto a non essere stato arrestato poiche', secondo indiscrezioni, si troverebbe a Dubai da tempo. Secondo i pm romani, gli arrestati avrebbero distratto 11 milioni e 770 mila euro nell'operazione di passaggio di Agile da Eutelia al gruppo Omega. ''Non ho mai avuto contatti, ne' telefonato o ricevuto telefonate dai soggetti di Omega'', aggiunge l'ex ad aretino, affermando di non aver ''mai intrattenuto conversazioni'' con loro, di averli incontrati ''una sola volta in occasione della firma della cessione di Agile ad Omega, cessione deliberata dal Cda di Eutelia'', e di non aver ''mai ricevuto ne' fatto pagamenti a loro od aziende a loro correlate''. Secondo Landi esiste invece un ''disegno'' per strappare l'azienda alla sua famiglia: ''Siccome qualcuno vuole prendersi la rete dal fallimento - si legge nel comunicato - facciamo passare che e' tutta colpa loro, che loro sono i ladri, in modo che non possano fare ricorsi al commissariamento, li mettiamo tutti dentro cosi' si arrenderanno''. (ANSA).

Anonimo ha detto...

CALL CENTER:ARRESTI: DIFESA PICCINI, NESSUNA RESPONSABILITA' (V. 'CALL CENTER: FALLIMENTO AGILE...' DELLE 11:20 CIRCA) (ANSA) - TERNI, 10 LUG - ''Pio Piccini non ha minimamente concorso nelle condotte volte a provocare il fallimento di Agile, ma ha a sua volta subito la gestione di questa societa' da parte del gruppo che doveva risanarla'': a sostenerlo e' l'avvocato Fabrizio Lemme che insieme alla collega Anna Palazzi, difende l'imprenditore ternano arrestato nell'ambito dell'indagine sul fallimento del call center Agile Eutelia condotta dalla procura di Roma. ''Piccini - ha spiegato l'avvocato Lemme in una nota - aveva ceduto la partecipazione ad un gruppo di imprenditori che ne avevano assicurato il risanamento integrale, con la liberazione dalle fidejussioni da lui prestate a favore del ceto bancario e con il pagamento di una somma che avrebbe consentito un minimo recupero di quanto da lui immesso nelle casse sociali. Non avendo i cessionari adempiuto ne' all'una ne' all'altra obbligazione, Piccini, da alcuni mesi, aveva dato mandato allo studio Lemme di agire nei confronti dei cessionari e siamo in grado di dimostrarlo con atti di data certa. Confidiamo quindi in un provvedimento positivo da parte del Tribunale della liberta' di Roma al quale ci rivolgeremo gia' lunedi' prossimo''. Gli stessi difensori hanno sottolineato che Piccini e' stato amministratore dell'azienda ''solo'' dal 16 giugno al 28 luglio del 2009. (ANSA).

Anonimo ha detto...

AGILE: CGIL;, ARRESTI NON INATTESI GOVERNO SI SVEGLI (ANSA) - FIRENZE, 10 LUG - La notizia degli arresti per il crac Agile-Eutelia ''non e' inattesa'', e ora serve che ''il governo si svegli'' per risolvere la situazione: lo ha detto Samuele Falossi (Slc-Cgil) commentando la notizia del blitz disposto dalla procura di Roma. ''Che ci fossero degli arresti vicini ce lo aspettavamo - ha affermato - non sapevamo solo chi li avrebbe disposti, se Arezzo, Roma o Milano''. Secondo Falossi, l'operazione ''formalmente non dovrebbe influire'' sulla vertenza che interessa tremila dipendenti dell'ex ramo It di Eutelia, perche' ''Agile e' commissariata e in amministrazione straordinaria, ed Eutelia ha dei commissari che devono essere nominati: l'unica cosa positiva che puo' succedere e' che il governo si svegli e decida di occuparsi della vicenda, visto che finora non ha fatto assolutamente niente''. (ANSA).

Anonimo ha detto...

AGILE: SINDACO AREZZO, E' ALLARME PER LAVORATORI (V.''CALL CENTER:FALLIMENTO AGILE-EUTELIA,OTTO...''DELLE 11.17) (ANSA) - AREZZO, 10 LUG - ''La citta' e' molto preoccupata dell'evolversi dei fatti su Eutelia. Noi non pensiamo alle questioni giudiziarie bensi' ai 400 lavoratori ai quali dobbiamo dare garanzie''. Lo ha detto il sindaco di Arezzo Giuseppe Fanfani dopo il blitz che ha portato in carcere sette dirigenti del gruppo Eutelia-Agile. ''Il Comune e la Provincia di Arezzo - ha detto Fanfani - hanno sempre dialogato con chiunque abbia chiesto di essere ascoltato, compresi gli amministratore precedenti ai commissari straordinari oggi incarica''. Il riferimento e' a Leonardo Pizzichi, anch'egli arrestato, che fino ad un mese fa e' stato presidente del Cda di Eutelia Spa. ''Oggi - conclude Fanfani - dobbiamo guadare avanti e fare passi concreti. Stiamo dialogando con i commissari. Ma anche con cordate di nuovi imprenditori che si mettono sulla scena e si dichiarano interessati a rilevare l'azienda e a garantire i posti di lavoro''.(ANSA).

Anonimo ha detto...

EUTELIA-OMEGA: SCATTANO MANETTE. CRONISTORIA DI UN DISASTRO (ASCA) - Siena, 10 lug - L'inchiesta Eutelia-Agile-Omega subisce un colpo d'acceleratore E' di ieri mattina l'ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata dalla gip di Roma Elvira Tamburelli per 8 tra manager e azionisti con l'accusa di bancarotta fraudolenta. Per la magistratura la cessione di Agile da Eutelia da Omega e' avvenuta distraendo circa 17,2 milioni di euro in favore di soggetti riconducibili ad Omega. Sono finiti in carcere il presidente e amministratore di Omega e Agile, Pio Piccini, e il dirigente di Agile e tesoriere del gruppo Omega, Marco Fenu;l'ex presidente del Cda Eutelia Leonardo Pizzicchi; l'amministratore di Agile Claudio Marcello; il procuratore di Agile Salvatore Cammalleri ; il consigliere di amministrazione di Eutelia Isacco Landi. Il presidente e amministratore di Eutelia Samuele Landi non e' stato raggiunto dal provvedimento perche' all'estero. Tutto comincia il 7 gennaio 2009, quando il Cda di Eutelia, presieduto da Angelo Landi, esponente dell'omonima famiglia principale azionista di Eutelia (27% del capitale) decide la cessione del ramo Information Technology (It) del Gruppo. Eutelia, che opera nel settore tlc ed It, e' cresciuta rapidamente a suon di acquisizioni, nel carnet Edisontel, Noicom, NTSFreedomland, C3 Europe, Alpha Telecom, Getronics Italia e Bull Italia, gia' naviga' in acque perigliose. L'esercizio 2008 registra un rosso di 178 milioni di euro rispetto alla perdita di 41 milioni del 2007. Il 30 aprile l'assemblea dei soci rinnova gli organi statutari, diventa presidente del Cda, Leonardo Pizzichi, arrivato in Eutelia come presidente del collegio sindacale nell'autunno del 2008. Il 15 di giugno del 2009, i lavoratori del ramo It di Eutelia vengono prima trasferiti alla Agile srl, controllata della stessa Eutelia e, subito dopo la Agile viene ceduta al gruppo Omega. Dall'operazione Eutelia dichiara una plusvalenza di 17,9 milioni. Agosto 2009: La cessione non convince. In primis si esprimono i revisori della PriceWaterhouseCoopers che il 28 agosto 2009 bocciano la semestrale di Eutelia. ''' ''Non abbiamo ottenuto adeguati elementi ed evidenze a supporto della soddisfazione dei requisiti previsti dai principi contabili di riferimento per la cancellazione di attivita' e passivita' in relazione alla cessione'' di Agilie, scrivono i revisori. E ancora, ''il ramo di azienda ceduto non e' stato rappresentato in base a quanto previsto dai principi contabili (regola Ifrs 5)''. Cosi' nella semestrale consolidata di Eutelia, ''la perdita del periodo ed il patrimonio netto di gruppo risultano rispettivamente sottostimata e sovrastimato per euro 4,5 milioni'', concludono i revisori. Settembre 2009: Dipendenti senza lavoro e stipendio. La maggiore passivita' corrente cancellata dal bilancio di Eutelia grazie alla cessione di Agile e' rappresentata dalle liquidazioni dei dipendenti pari a 49,4 milioni di euro. Se ne accorgono subito i 1.800 mila dipendenti trasferiti da Eutelia a Omega. Dalla cessione sono appena passati due mesi, i dipendenti si ritrovano senza stipendio, lo sono ancora, e con 1.200 lettere di licenziamento sulle spalle. Sale la protesta dei lavoratori con manifestazioni nelle varie sedi operative di Agile ed Eutelia, da Arezzo a Torino

Anonimo ha detto...

EUTELIA-OMEGA: SCATTANO MANETTE. CRONISTORIA DI UN DISASTRO (ASCA) - Siena, 10 lug - L'inchiesta Eutelia-Agile-Omega subisce un colpo d'acceleratore E' di ieri mattina l'ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata dalla gip di Roma Elvira Tamburelli per 8 tra manager e azionisti con l'accusa di bancarotta fraudolenta. Per la magistratura la cessione di Agile da Eutelia da Omega e' avvenuta distraendo circa 17,2 milioni di euro in favore di soggetti riconducibili ad Omega. Sono finiti in carcere il presidente e amministratore di Omega e Agile, Pio Piccini, e il dirigente di Agile e tesoriere del gruppo Omega, Marco Fenu;l'ex presidente del Cda Eutelia Leonardo Pizzicchi; l'amministratore di Agile Claudio Marcello; il procuratore di Agile Salvatore Cammalleri ; il consigliere di amministrazione di Eutelia Isacco Landi. Il presidente e amministratore di Eutelia Samuele Landi non e' stato raggiunto dal provvedimento perche' all'estero. Tutto comincia il 7 gennaio 2009, quando il Cda di Eutelia, presieduto da Angelo Landi, esponente dell'omonima famiglia principale azionista di Eutelia (27% del capitale) decide la cessione del ramo Information Technology (It) del Gruppo. Eutelia, che opera nel settore tlc ed It, e' cresciuta rapidamente a suon di acquisizioni, nel carnet Edisontel, Noicom, NTSFreedomland, C3 Europe, Alpha Telecom, Getronics Italia e Bull Italia, gia' naviga' in acque perigliose. L'esercizio 2008 registra un rosso di 178 milioni di euro rispetto alla perdita di 41 milioni del 2007. Il 30 aprile l'assemblea dei soci rinnova gli organi statutari, diventa presidente del Cda, Leonardo Pizzichi, arrivato in Eutelia come presidente del collegio sindacale nell'autunno del 2008. Il 15 di giugno del 2009, i lavoratori del ramo It di Eutelia vengono prima trasferiti alla Agile srl, controllata della stessa Eutelia e, subito dopo la Agile viene ceduta al gruppo Omega. Dall'operazione Eutelia dichiara una plusvalenza di 17,9 milioni. Agosto 2009: La cessione non convince. In primis si esprimono i revisori della PriceWaterhouseCoopers che il 28 agosto 2009 bocciano la semestrale di Eutelia. ''' ''Non abbiamo ottenuto adeguati elementi ed evidenze a supporto della soddisfazione dei requisiti previsti dai principi contabili di riferimento per la cancellazione di attivita' e passivita' in relazione alla cessione'' di Agilie, scrivono i revisori. E ancora, ''il ramo di azienda ceduto non e' stato rappresentato in base a quanto previsto dai principi contabili (regola Ifrs 5)''. Cosi' nella semestrale consolidata di Eutelia, ''la perdita del periodo ed il patrimonio netto di gruppo risultano rispettivamente sottostimata e sovrastimato per euro 4,5 milioni'', concludono i revisori. Settembre 2009: Dipendenti senza lavoro e stipendio. La maggiore passivita' corrente cancellata dal bilancio di Eutelia grazie alla cessione di Agile e' rappresentata dalle liquidazioni dei dipendenti pari a 49,4 milioni di euro. Se ne accorgono subito i 1.800 mila dipendenti trasferiti da Eutelia a Omega. Dalla cessione sono appena passati due mesi, i dipendenti si ritrovano senza stipendio, lo sono ancora, e con 1.200 lettere di licenziamento sulle spalle. Sale la protesta dei lavoratori con manifestazioni nelle varie sedi operative di Agile ed Eutelia, da Arezzo a Torino

Anonimo ha detto...

Conosco personalmente Landi e Pizzichi e posso assicurare che hanno condotto le loro azioni esclusivamente nell interesse della società Eutelia. A loro la mia solidarietà.

Anonimo ha detto...

Commento a:
Un esempio su tutti la telefonata del 16 aprile 2010 tra i fratelli Liori. Antonangelo riferisce a Sebastiano di un incontro con i sindacalisti di Cgil, Cisl e Uil ai quali ha detto che se anche dovesse fallire Agile «io continuo ad avere la mia macchina, il mio autista, il mio elicottero, la mia villa».
Questo è quanto riportato nell'articolo.
Ma quando c'è stato questo incontro? Qualcuno ne sapeva qualcosa?
Secondo me i sindacati hanno cercato di accordarsi con questi delinquenti. Ma come... i lavoratori li denunciano e loro ci vanno a trattare?
Ma a che gioco giochiamo?
Anche i sindacati la devono smettere di fare i giochini e gli inciuci se non volgiono essere denunciati anche loro.
Da una parte distraggono l'attenzione con manifestazioni, iniziative di dubbia utilità, dall'altra intrallazzano!?
Forse non è ancora chiaro che noi lavoratori non volgiamo trattare con questa gente?!
BASTA non se ne può più o lavorate onestamente e con trasparenza o cominceremo a denunciare anche voi con nomi e cognomi.

Anonimo ha detto...

Speriamo che i comitati di accoglienza delle carceri dove sono stati portati questi "galantuomini", dia loro un appropriato benvenuto, soprattutto da tergo.

Anonimo ha detto...

sono in dipendente eutelia.
una buona notizia: hanno arrestato isacco landi.
domanda: come mai sono fuori raimondo e il figlio?

Anonimo ha detto...

Con l'arresto degli otto delinquenti abbiamo solo dimostrato al mondo intero che avevamo ragione noi, che non eravamo dei pazzi visionari o delle vittime. Siamo stati accusati di tutto: da scansaatiche a paraculi, gente che non vuole lavorare e si fa proteggere dal sindacato...e ora dove sono tutti i sapientoni che lavoravano per eutelia, dove è quel cesso umano della moglie di samuele????
Un 'altra cosa è vero che questi sono o andranno in galera ma chi ci libera dei vari Zanenga, Paganini, Spersi, Argiolas, Rosito; Malasomma e compagnia varia???
Ci rendiamo conto che loro sono il marcio, persone viscide, pagate profumatamente per essere ciò che gli viene meglio: BASTARDI!

Anonimo ha detto...

9/7/2010

Ennesimo sopruso della Magistratura
Leggo incredulo le motivazioni che hanno portato all' arresto di Isacco Landi e di Leonardo Pizzichi accusati di aver distratto oltre 11 milioni in seguito alla cessione di Agile. Premetto che la cessione del settore It di Eutelia (Agile srl) era l'unica possibilita' di salvezza per tutto il gruppo Eutelia, come peraltro confermano i Commissari Giudiziali nella loro ultima relazione. La cessione di Agile ad Omega e' avvenuta seguendo tutti i criteri di legittimita' essendo tesa a garantire il futuro degli occupati in tale azienda. Proprio a garanzia di questo, Eutelia ha ceduto Agile con oltre 140 milioni di commesse attive, immobili per un valore di oltre 10 milioni, crediti per oltre 100 milioni e quindi c' erano tutte le premesse per un risanamento della societa' da parte dei nuovi acquirenti. Da qui a sostenere, come afferma la Procura di Roma, che i cedenti, in questo caso Landi e Pizzichi per conto di Eutelia, abbiano sottratto con gli altri indagati 11 milioni di euro e' un' ipotesi a dire poco farneticante per due motivi:
1 - la cessione dell'azienda coincide con il passaggio delle tesoreria di Agile alla nuova compagine societaria:
2 - entrambi non ricoprivano alcun ruolo all' interno della nuova societa'.
Ritengo questa nuova azione della magistratura una ennesima dimostrazione di forza contro una societa' che ha operato sempre nella massima trasparenza e a sostegno dell' interesse delle persone che ci lavorano.. oppure il vero interesse e' prendersi la rete Eutelia ma senza i dipendenti?

Anonimo ha detto...

I sindacati ci hanno portato a questo punto solo per salvare loro e le loro poltrone!

Anonimo ha detto...

Come GODOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Anonimo ha detto...

Speriamo che questa mattina i manager collusi di Agile, alcuni fatti dirigenti da Massa al suo arrivo, altri portati da Liori, altri ancora passati a capo del personale,abbiano il buon senso di non presentarsi in ufficio. Speriamo che a breve ci sia la galera anche per loro.
Se ci sara' l'Amministrstrazione Straordinaria saranno questi i manager? Che beffa sarebbe!!!!

Anonimo ha detto...

Conosco personalmente Landi e Pizzichi e posso assicurare che hanno condotto le loro azioni esclusivamente nell interesse della società Eutelia. A loro la mia solidarietà.
-------------------------------
Scusa, per curiosità, come ti chiami ? E' chiaro che il tuo nome comincia per L, ma volevo capire se sei un Landi o un leccaculo...

Anonimo ha detto...

Conosco personalmente Landi e Pizzichi e posso assicurare che hanno condotto le loro azioni esclusivamente nell interesse della società Eutelia. A loro la mia solidarietà.

I sindacati ci hanno portato a questo punto solo per salvare loro e le loro poltrone!

-----

Quanto sono altruisti gli uni e quanto sono materialisti gli altri.
Pizzichi potrebbe ricominciare distribuendo i pasti alla mensa del carcere, Landi facendo il missionario da Dubai in Afghanistan, i sindacati comprando Agile-Eutelia con i soldi delle tessere. Ad ognuno la propria vocazione.

margherita ha detto...

"Conosco personalmente Landi e Pizzichi e posso assicurare che hanno condotto le loro azioni esclusivamente nell interesse della società Eutelia. A loro la mia solidarietà".

Ma perchè non ti firmi se se sei così certo di quanto dici???
Per fortuna non è ancora passata la legge sulle intercettazioni e su questa nostra vicenda ne sentiremo delle belle....
Ghita

Anonimo ha detto...

Ci sono ancora i pederasti siero positivi in carcere????

Anonimo ha detto...

Da: Samuele Landi
A: xxxx@libero.it Cc:
Oggetto: Re: ti divertirai Ricevuto il: 11/07/10 10:37





Il 11/07/10 12.10, xxxx@libero.it ha scritto:
> in galera e' pieno di marocchini arrapati!!! a ferragosto io al mare tu in
> galeraaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa
>
>
Siiii mi piacciono i marocchini.....

Anonimo ha detto...

Caro Liori, adesso la villa e l'elicottero sai dove puoi metterli?...

Anonimo ha detto...

A quelli che vogliono prendersi Eutelia a due soldi farà gola anche la causa attiva verso Telecom per 700 milioni di euro... e se fosse vero?
Magari lasciando a casa tutti i lavoratori. A proposito mi risulta che i Commissari non vogliano fare ricorso contro il verbale della Finanza ... strano vero?

Anonimo ha detto...

INCHIESTA AGILE-EUTELIA: LIORI NON RISPONDE AL GIP (AGI) - Cagliari, 12 lug. - Si e' avvalso della facolta' di non rispondere l'ex direttore del quotidiano "L'Unione Sarda", Antonangelo Liori, 46 anni, originario di Desulo (Nuoro), in custodia cautelare in carcere a Cagliari da giovedi' scorso. E' accusato di bancarotta fraudolenta nell'ambito dell'inchiesta della procura di Roma sul gruppo Agile-Eutelia, societa' collegate che operano nel settore delle telecomunicazioni e dei call center. "Non rispondo, perche' voglio vedere gli atti", ha detto Liori, sentito stamane nel carcere di Buoncammino dal gip di Cagliari Roberto Cau (su delega di quello romano) e assistito dai suoi legali Mariano e Massimo Delogu. "Dall'ordinanza non riesco a capire le accuse che mi vengono mosse. Spieghero' le mie ragioni difensive in una memoria che depositero' a breve a Roma". Intanto, i suoi avvocati hanno presentato istanza di scarcerazione al tribunale del riesame. (AGI)

Anonimo ha detto...

Speriamo che i comitati di accoglienza delle carceri dove sono stati portati questi "galantuomini", dia loro un appropriato benvenuto, soprattutto da tergo.
___________________________________

sì da tergo coi mussulmani spero:a 2 di loro piacerà tanto,anche se uno è ancora in giro bandito come è...kirye eleison,amen,e a FANCULO LADRI BASTARDI,IENE,FIGLI DI MADRE TROIA.

Anonimo ha detto...

A Samuele e soci chiedo soltanto: come mai bisognava dismettere l'IT se è stato un affare per Eutelia comprare Eunics?
Quanti soldi ha guadagnato Finital con questa operazione?
Che fine ha fatto la cassa di NTS?
Perchè avete comprato MOBILAND?
E gli investimenti i Liberia?
E la società con gli sceicchi?
Come mai mentre giravate con l'elicottero non c'erano i soldi per fare la manutenzione alle punto dei presidi?
Come mai non abbiamo mai avuto un depliant dei nostri prodotti?
Come mai pagavamo agli agenti 10 euro per un adsl e 7 euro per una linea mentre la concorrenza pagava normalmente almeno 5 volte di più?
Chi più di voi ha lavorato per distruggere Eutelia?
Vedrete che bella azienda faremo senza di voi, parassiti!!!

Anonimo ha detto...

A Samuele e soci chiedo soltanto: come mai bisognava dismettere l'IT se è stato un affare per Eutelia comprare Eunics?
Affare??? forse ma perchè fonderla con Eutelia???
Quanti soldi ha guadagnato Finital con questa operazione?
Ooohhhh
Che fine ha fatto la cassa di NTS?
Chiedilo alla fam. L....
Perchè avete comprato MOBILAND?
Che affarone!!!
E gli investimenti i Liberia?
Roba di Samu
E la società con gli sceicchi?
Che figuraccia...chiedi a R.Nardini
Come mai mentre giravate con l'elicottero non c'erano i soldi per fare la manutenzione alle punto dei presidi?
Come mai non abbiamo mai avuto un depliant dei nostri prodotti?
Come mai pagavamo agli agenti 10 euro per un adsl e 7 euro per una linea mentre la concorrenza pagava normalmente almeno 5 volte di più?
Chi più di voi ha lavorato per distruggere Eutelia?
Vedrete che bella azienda faremo senza di voi, parassiti!!!
Magari!!!...sogna, sogna....

Anonimo ha detto...

Conosco personalmente Landi e Pizzichi e posso assicurare che hanno condotto le loro azioni esclusivamente nell interesse della società Eutelia. A loro la mia solidarietà".


margherita ma va a CAGARE stronza!!!

Anonimo ha detto...

scusa margherita non sei stata tu a scrivere quell'idiozia su quei figli di puttana di Landi e &. Avevo capito male

Anonimo ha detto...

Le prime linee sono tutte colluse, questo è il momento di parlare. Ciunque sappia quello che hanno fatto questi esseri spregevoli (di Milano, di Roma etc,etc)devono parlaRE DOBBIAMO FARE piazza pulita. Se riusciamo poi a denunciare parecchi ci faremo pagare anche le spese in una causa civile. Devono andare fuori dalle palle.

Anonimo ha detto...

Riferimenti S. Landi

Kryptotel Fz LLC
Dubai Internet City
EIB 1 -Building No. 01
off 304 - Third Floor
Dubai (United Arab Emirates)
Tel: 00971552806529
Numero Verde 800 128454

http://www.kryptotel.net

Anonimo ha detto...

Potetti: Seccia = Massa : Liori

Castano : Scajola = Buongiorno :Pertile

Anonimo ha detto...

concordo tutti i dirigenti fuori dai cogli..i !!!
E' lampante che erano solo mer...e esecutori

Anonimo ha detto...

Conosco personalmente Landi e Pizzichi e posso assicurare che hanno condotto le loro azioni esclusivamente nell interesse della società Eutelia. A loro la mia solidarietà.

-----------------------------------
Dovrebbero mettere in galera anche te pirla che non sei altro.

Anonimo ha detto...

Le prime linee sono tutte colluse, questo è il momento di parlare. Ciunque sappia quello che hanno fatto questi esseri spregevoli (di Milano, di Roma etc,etc)devono parlaRE DOBBIAMO FARE piazza pulita. Se riusciamo poi a denunciare parecchi ci faremo pagare anche le spese in una causa civile. Devono andare fuori dalle palle.
-------------------------------
Bene, allora iniziate da Ivrea dove c'e' qualcuno che ha regalato il progetto di COOP Adriatica ad Engineering...e chissa' cos'altro!
Poi ha fatto piazza pulita per rimanere con i suoi portaborse a fare un cazzo (pagato, ovviamente!)

Anonimo ha detto...

ma oggi 13/7 non era la data che il giudice doveva far conoscere il responso circa l'appello dell'art. 28? e' cambiato qualcosa ? perchè è scomparso dal blog sede di pregnana milanese. qualcuno sa dirmi qualcosa?

Anonimo ha detto...

LA PROCURA HA SEQUESTRATO IL CASTELLO DI SAMUELE LANDI!!LO STAVO VENDENDO...MA I MAGISTRATI SONO ARRIVATI PRIMA!!
-----------------------------

DAL QUOTIDIANO 'LA NAZIONE' DEL 13 LUGLIO.
"lE MANI DELLA PROCURA SUL CASTELLO DI SA SAMULE LANDI"

AAA castello vendevasi. Vendevasi appunto, all’imperfetto. Perchè da ieri mattina il castello di Policiano, 46 stanze e un parco di 11 ettari, non si vende più. Prima dei compratori sono arrivati gli uomini della procura che hanno piazzato sul cancello i sigilli del sequestro preventivo. Chiesto dal Pm Roberto Rossi e disposto dal Gip Simone Salcerini. Per l’ufficio dell’accusa, la splendida dimora, pur intestata alla moglie Laura, è di proprietà di Samuele Landi, l’ex amministratore delegato di Eutelia che da venerdì è inseguito da un’ordinanza di custodia cautela dell Gip romano Elvira Tamburelli. Lui non si trova, le indiscrezioni, insistenti, quasi unanimi, dicono che è in Dubai, dove da qualche settimana ha avviato una nuova attività. Stavolta però l’inchiesta dei Pm romani (l’aggiunto Nello Rossi con i sostituti Giuseppe Cascini, Paolo Ielo e Francesca Loy) non c’entra. C’entra eccome invece il filone aretino della bufera giudiziaria che ha investito i Landi ed Eutelia, quello nel quale il Pm Rossi ipotizza una bancarotta da quasi 100 milioni di euro: 60 (già falso in bilancio) per il trasferimento, considerato finto, della proprietà della società "Voiceplus", e 33 (già appropriazione indebita) per le triangolazioni di fondi da Arezzo alla Bulgaria, alla Romania e infine alla Svizzera.



Sequestro preventivo significa che si vuole evitare la dispersione del patrimonio di Samuele Landi, e quindi anche del Castello, in modo che possa fare da garanzia nell’inchiesta penale e poi nel processo. La grande dimora, invece, era stata messa in vendita, come risulta anche dal sito ufficiale che ne riporta foto degli interni e degli esterni nonchè prezzo richiesto agli eventuali acquirenti: 8 milioni e mezzo di euro. Proprio da Internet sono partiti gli inquirenti per far scattare l’allarme. Lì c’è una descrizione della villa-fortezza, un po’ castello e un po’ grande villa di campagna, che assomiglia a una storia da Mille e una Notte. Basta guardare le foto: ulivi secolari, un fronte in stile dimora toscana dell’epoca d’oro e un fronte da antico fortilizio con tanto di torre, stanze piene di mobili d’epoca, di arazzi, icone, poltrone, sale da pranzo e via descrivendo. Chiunque voleva farsi avanti poteva fino a ieri riempire il modulo che si trova all’interno del sito e poi aspettare di essere contattato, magari per una visita di persona: il castello si trova sulla collina sopra Policiano.



Gli interessati, però, sono stati preceduti dalla procura. Il Pm Rossi ha avanzato la sua richiesta di sequestro preventivo che è stata firmata venerdì dal Gip Salcerini. Poi una breve pausa nel fine settimana e ieri l’apposizione dei sigilli, preceduta dalla trascrizione alla conservatoria dei registri immobiliari. Se finora c’erano i giovedì nera di Wall Street, ora ci sono anche i venerdì neri di Samuele Landi. Non capita mica tutti i giorni di sfuggire all’arresto con un dribbling e di vedersi contemporaneamente sequestrare un castello.

Salvatore Mannino

Anonimo ha detto...

LA PROCURA HA SEQUESTRATO IL CASTELLO DI SAMUELE LANDI!!LO STAVO VENDENDO...MA I MAGISTRATI SONO ARRIVATI PRIMA!!
-----------------------------

DAL QUOTIDIANO 'LA NAZIONE' DEL 13 LUGLIO.
"lE MANI DELLA PROCURA SUL CASTELLO DI SA SAMULE LANDI"

AAA castello vendevasi. Vendevasi appunto, all’imperfetto. Perchè da ieri mattina il castello di Policiano, 46 stanze e un parco di 11 ettari, non si vende più. Prima dei compratori sono arrivati gli uomini della procura che hanno piazzato sul cancello i sigilli del sequestro preventivo. Chiesto dal Pm Roberto Rossi e disposto dal Gip Simone Salcerini. Per l’ufficio dell’accusa, la splendida dimora, pur intestata alla moglie Laura, è di proprietà di Samuele Landi, l’ex amministratore delegato di Eutelia che da venerdì è inseguito da un’ordinanza di custodia cautela dell Gip romano Elvira Tamburelli. Lui non si trova, le indiscrezioni, insistenti, quasi unanimi, dicono che è in Dubai, dove da qualche settimana ha avviato una nuova attività. Stavolta però l’inchiesta dei Pm romani (l’aggiunto Nello Rossi con i sostituti Giuseppe Cascini, Paolo Ielo e Francesca Loy) non c’entra. C’entra eccome invece il filone aretino della bufera giudiziaria che ha investito i Landi ed Eutelia, quello nel quale il Pm Rossi ipotizza una bancarotta da quasi 100 milioni di euro: 60 (già falso in bilancio) per il trasferimento, considerato finto, della proprietà della società "Voiceplus", e 33 (già appropriazione indebita) per le triangolazioni di fondi da Arezzo alla Bulgaria, alla Romania e infine alla Svizzera.



Sequestro preventivo significa che si vuole evitare la dispersione del patrimonio di Samuele Landi, e quindi anche del Castello, in modo che possa fare da garanzia nell’inchiesta penale e poi nel processo. La grande dimora, invece, era stata messa in vendita, come risulta anche dal sito ufficiale che ne riporta foto degli interni e degli esterni nonchè prezzo richiesto agli eventuali acquirenti: 8 milioni e mezzo di euro. Proprio da Internet sono partiti gli inquirenti per far scattare l’allarme. Lì c’è una descrizione della villa-fortezza, un po’ castello e un po’ grande villa di campagna, che assomiglia a una storia da Mille e una Notte. Basta guardare le foto: ulivi secolari, un fronte in stile dimora toscana dell’epoca d’oro e un fronte da antico fortilizio con tanto di torre, stanze piene di mobili d’epoca, di arazzi, icone, poltrone, sale da pranzo e via descrivendo. Chiunque voleva farsi avanti poteva fino a ieri riempire il modulo che si trova all’interno del sito e poi aspettare di essere contattato, magari per una visita di persona: il castello si trova sulla collina sopra Policiano.



Gli interessati, però, sono stati preceduti dalla procura. Il Pm Rossi ha avanzato la sua richiesta di sequestro preventivo che è stata firmata venerdì dal Gip Salcerini. Poi una breve pausa nel fine settimana e ieri l’apposizione dei sigilli, preceduta dalla trascrizione alla conservatoria dei registri immobiliari. Se finora c’erano i giovedì nera di Wall Street, ora ci sono anche i venerdì neri di Samuele Landi. Non capita mica tutti i giorni di sfuggire all’arresto con un dribbling e di vedersi contemporaneamente sequestrare un castello.

Salvatore Mannino

Anonimo ha detto...

LA PROCURA HA SEQUESTRATO IL CASTELLO DI SAMUELE LANDI!!LO STAVO VENDENDO...MA I MAGISTRATI SONO ARRIVATI PRIMA!!
-----------------------------

DAL QUOTIDIANO 'LA NAZIONE' DEL 13 LUGLIO.
"lE MANI DELLA PROCURA SUL CASTELLO DI SA SAMULE LANDI"

AAA castello vendevasi. Vendevasi appunto, all’imperfetto. Perchè da ieri mattina il castello di Policiano, 46 stanze e un parco di 11 ettari, non si vende più. Prima dei compratori sono arrivati gli uomini della procura che hanno piazzato sul cancello i sigilli del sequestro preventivo. Chiesto dal Pm Roberto Rossi e disposto dal Gip Simone Salcerini. Per l’ufficio dell’accusa, la splendida dimora, pur intestata alla moglie Laura, è di proprietà di Samuele Landi, l’ex amministratore delegato di Eutelia che da venerdì è inseguito da un’ordinanza di custodia cautela dell Gip romano Elvira Tamburelli. Lui non si trova, le indiscrezioni, insistenti, quasi unanimi, dicono che è in Dubai, dove da qualche settimana ha avviato una nuova attività. Stavolta però l’inchiesta dei Pm romani (l’aggiunto Nello Rossi con i sostituti Giuseppe Cascini, Paolo Ielo e Francesca Loy) non c’entra. C’entra eccome invece il filone aretino della bufera giudiziaria che ha investito i Landi ed Eutelia, quello nel quale il Pm Rossi ipotizza una bancarotta da quasi 100 milioni di euro: 60 (già falso in bilancio) per il trasferimento, considerato finto, della proprietà della società "Voiceplus", e 33 (già appropriazione indebita) per le triangolazioni di fondi da Arezzo alla Bulgaria, alla Romania e infine alla Svizzera.



Sequestro preventivo significa che si vuole evitare la dispersione del patrimonio di Samuele Landi, e quindi anche del Castello, in modo che possa fare da garanzia nell’inchiesta penale e poi nel processo. La grande dimora, invece, era stata messa in vendita, come risulta anche dal sito ufficiale che ne riporta foto degli interni e degli esterni nonchè prezzo richiesto agli eventuali acquirenti: 8 milioni e mezzo di euro. Proprio da Internet sono partiti gli inquirenti per far scattare l’allarme. Lì c’è una descrizione della villa-fortezza, un po’ castello e un po’ grande villa di campagna, che assomiglia a una storia da Mille e una Notte. Basta guardare le foto: ulivi secolari, un fronte in stile dimora toscana dell’epoca d’oro e un fronte da antico fortilizio con tanto di torre, stanze piene di mobili d’epoca, di arazzi, icone, poltrone, sale da pranzo e via descrivendo. Chiunque voleva farsi avanti poteva fino a ieri riempire il modulo che si trova all’interno del sito e poi aspettare di essere contattato, magari per una visita di persona: il castello si trova sulla collina sopra Policiano.



Gli interessati, però, sono stati preceduti dalla procura. Il Pm Rossi ha avanzato la sua richiesta di sequestro preventivo che è stata firmata venerdì dal Gip Salcerini. Poi una breve pausa nel fine settimana e ieri l’apposizione dei sigilli, preceduta dalla trascrizione alla conservatoria dei registri immobiliari. Se finora c’erano i giovedì nera di Wall Street, ora ci sono anche i venerdì neri di Samuele Landi. Non capita mica tutti i giorni di sfuggire all’arresto con un dribbling e di vedersi contemporaneamente sequestrare un castello.

Salvatore Mannino

Anonimo ha detto...

Conosco personalmente Landi e Pizzichi e posso assicurare che hanno condotto le loro azioni esclusivamente nell interesse della società Eutelia. A loro la mia solidarietà.
-----------------------------------

...certo che gli allucinogeni fanno male, oppure si tratta di insanità mentale?

Ve la ricordate la lettera di Liori dopo che fù estromesso da Agile ?

Il mio parere è che questi signori erano e sono rimasti delinquenti e la cosa buffa è che oltre a mandare sul lastrico 2000 famiglia, si sono fatti male da soli, perchè evidentemente speravano in appoggi che poi non ci sono stati, perchè l'avevano fatta talmente sporca.

Quindi a parte i soldi spariti che chissà in quale banca estera sono finiti, hanno perso anche l'azienda, oltre a essere stati arrestati.

Nonostante i tempi necessari per arrivare ai sequesti e agli arresti, in questo caso la magistratura stà facendo il suo operato egregiamente, quindi qualcosa funziona ancora in questo paese.

Ora dobbiamo continuare a lottare per riottenere il posto di lavoro e questo è possibile solo se le istituzioni ci aiutano.

Anonimo ha detto...

Samuele Landi - Ex-Ad di Eutelia

Chi Sono: Un lirido bastardo ....

Anonimo ha detto...

Ora toccherà ai cari ed onesti dirigenti così professionali e capaci, rispondere su come hanno gestito questa immane truffa ai danni dei lavoratori!
Comunque questo è solo l'inizio e se al capitano è stato salvato il culo dopo il blitz a via Bona e prima degli arresti ci sarà un motivo.
Ma la giustizia e la verità faranno il loro corso e sono sicuro che ne vedremo delle belle!
Questo è solo l'inizio.
Chiamata di correo, vi dice qualcosa?

Anonimo ha detto...

Le prime linee sono tutte colluse, questo è il momento di parlare. Ciunque sappia quello che hanno fatto questi esseri spregevoli (di Milano, di Roma etc,etc)devono parlaRE DOBBIAMO FARE piazza pulita. Se riusciamo poi a denunciare parecchi ci faremo pagare anche le spese in una causa civile. Devono andare fuori dalle palle.
-------------------------------
Bene, allora iniziate da Ivrea dove c'e' qualcuno che ha regalato il progetto di COOP Adriatica ad Engineering...e chissa' cos'altro!
Poi ha fatto piazza pulita per rimanere con i suoi portaborse a fare un cazzo (pagato, ovviamente!)
----------------------
penso che anche i loro portaborse fancazzisti presto o tardi finiranno come gli altri: stanno perdendo clienti uno dietro l'altro

Anonimo ha detto...

Le prime linee sono tutte colluse, questo è il momento di parlare. Ciunque sappia quello che hanno fatto questi esseri spregevoli (di Milano, di Roma etc,etc)devono parlaRE DOBBIAMO FARE piazza pulita. Se riusciamo poi a denunciare parecchi ci faremo pagare anche le spese in una causa civile. Devono andare fuori dalle palle.
-------------------------------
Bene, allora iniziate da Ivrea dove c'e' qualcuno che ha regalato il progetto di COOP Adriatica ad Engineering...e chissa' cos'altro!
Poi ha fatto piazza pulita per rimanere con i suoi portaborse a fare un cazzo (pagato, ovviamente!)
----------------------
penso che anche i loro portaborse fancazzisti presto o tardi finiranno come gli altri: stanno perdendo clienti uno dietro l'altro
-------------------------------
Ma quanti sono questi portaborse di Ivrea... dovrebbe esserne rimasto solo uno...

Anonimo ha detto...

Denunciare, denunciare, ogni giorno truffe nuove.Un occhio-orecchio sull'eolico!

Anonimo ha detto...

Una domanda a chi ha scritto questo commento:
Conosco personalmente Landi e Pizzichi e posso assicurare che hanno condotto le loro azioni esclusivamente nell interesse della società Eutelia. A loro la mia solidarietà.

PER CASO SEI ROSSELLA FINO?

Poverina si sentirà così triste dopo che hanno ingabbiato i suoi idoli!!!!
Di la verità: Samuele è nascosto nel tuo armadio?

Anonimo ha detto...

Auguriamo alla BANDA BASSOTTI di piangere lacrime amare (quando i marocchini arrapati metteranno le mani su di loro)come hanno fatto piangere ai 2000 lavoratori di Agile e alle loro famiglie a cui va tutta la nostra solidarietà e ammirazione per la lotta intrapresa.

Ai lavoratori Eutelia che fino ad oggi se ne sono fregati dei loro ex colleghi finiti in Agile che pensavano di salvarsi il culo diciamo: PRENDETE ESEMPIO DA CHI IN ITALIA HA SAPUTO TIRARE FUORI LE PALLE

Anonimo ha detto...

LA PROCURA HA SEQUESTRATO IL CASTELLO DI SAMUELE LANDI!!LO STAVO VENDENDO...MA I MAGISTRATI SONO ARRIVATI PRIMA!!


---------

E' più di un anno che il castello è in vendita!!!!!!

Andate a vedere quando è stato registrato il sito del castello di policiano.....

non è stato messo in vendita certo ora

Io lo avevo visto già un anno fa che era in vendita....

Anonimo ha detto...

Confermata amministrazione straordinaria per Eutelia. Ora dipenderà dai nuovi 3 custodi e dalle argomentazioni che porteranno all'opposizione presso il Giudice se l'Art. 28 sarà applicato o no. Certo... accollarsi da parte di un giudice il collasso di una azienda sana e che produce utili e liquidità.... la vedo dura

ALEX ha detto...

POSSEGGO 30000 AZIONI SPAZZATURA EUTELIA....QUALCUNO SA DARMI INFORMAZIONI?? SE CI SONO LE CONDIZIONI PER RECUPERARE IL RECUPERABILE??...O SE CI SONO GRUPPI O AZIONI RISARCITORIE....LEGALI CHE STANNO GIà LAVORANDO??